La forma giusta

FUORI C’E’ L’ETICHETTA. DENTRO C’E’ LA SARDEGNA

Tutte le FORME di Pecorino Sardo Dolce e Maturo, una volta raggiunto il periodo minimo di maturazione/stagionatura, vengono accuratamente controllate e, se rispondenti a tutti i requisiti previsti dal disciplinare di produzione, vengono contrassegnate mediante un timbro a inchiostro alimentare riportante le iniziali maiuscole della Denominazione PS DOP e il casello identificativo dell’azienda di produzione. Il timbro può essere apposto sullo scalzo o sul piatto della forma, una o più volte.  La timbratura delle forme avviene al momento dello svincolo. Le forme di Pecorino Sardo Dolce possono essere svincolate unicamente tra i 20 e i 60 giorni dalla produzione, quelle di Pecorino Sardo Maturo invece possono essere svincolate solo a partire dai 2 mesi di stagionatura. Le aziende di produzione sono tenute a documentare tutte le operazioni che svolgono in regime di autocontrollo.

Al momento dell’immissione al consumo, viene poi eseguita un’ulteriore verifica di conformità a seguito della quale l’identificazione visiva delle forme è affidata ad altri tre elementi essenziali i quali consentono di identificare a prima vista le FORME di PECORINO SARDO DOP nel punto vendita e di distinguerle facilmente dagli altri formaggi ovini, quand’anche fossero prodotti in Sardegna! Inoltre su tutti gli incarti è obbligatorio riportare la dicitura : “CERTIFICATO DA ORGANISMO DI CONTROLLO AUTORIZZATO DAL MIPAAFT” (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo)

Quindi occhio all’etichetta …..il PECORINO SARDO DOP si fa sempre riconoscere!
la-forma-giusta
foto-pecorino-sardo