Come riconoscere la forma giusta

 

Tutte le FORME di Pecorino Sardo Dolce e Maturo, una volta raggiunto il periodo minimo di maturazione/stagionatura, vengono accuratamente controllate e, se rispondenti a tutti i requisiti previsti dal disciplinare di produzione, vengono contrassegnate mediante un timbro a inchiostro alimentare riportante le iniziali maiuscole della Denominazione PS DOP e il casello identificativo dell’azienda di produzione. Il timbro può essere apposto sullo scalzo o sul piatto della forma, una o più volte.  La timbratura delle forme avviene al momento dello svincolo.

Le forme di Pecorino Sardo Dolce possono essere svincolate unicamente tra i 20 e i 60 giorni dalla produzione, quelle di Pecorino Sardo Maturo invece possono essere svincolate solo a partire dai 2 mesi di stagionatura. Le aziende di produzione sono tenute a documentare tutte le operazioni che svolgono in regime di autocontrollo.

Al momento dell’immissione al consumo, viene infine eseguita un’ulteriore verifica di conformità alla quale segue l’apposizione dell’etichetta. L’identificazione visiva delle forme è quindi affidata ad altri tre elementi essenziali, i quali consentono di identificare a prima vista le FORME di PECORINO SARDO DOP nel punto vendita e di distinguerle facilmente dagli altri formaggi ovini, quand’anche fossero prodotti in Sardegna !

Inoltre su tutte le etichette è obbligatorio riportare la dicitura : “CERTIFICATO DA ORGANISMO DI CONTROLLO AUTORIZZATO DAL MIPAAF” – Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali”

la-forma-giusta