Aiuti agli indigenti

25/06/2020

Il comunicato

Il sostegno alle fasce sociali più deboli deve passare attraverso il sostegno alle filiere certificate più a rischio.

Anche il Consorzio di Tutela del Pecorino Sardo si unisce al Consorzio del Pecorino Romano per chiedere alla Ministra Bellanova interventi urgenti a sostegno della filiera lattiero-casearia ovina della Sardegna a marchio DOP.Il Consorzio ha inviato all’attenzione del Ministro una istanza formale di inclusione della DOP nei Bandi Indigenti di prossima pubblicazione, facendo presente che “nonostante l’impegno profuso da tutti gli operatori della filiera, proprio nel momento in cui il Paese sta ripartendo, la produzione del Pecorino Sardo DOP, che in questi ultimi anni ha registrato una crescita costante, rischia di risentire pesantemente degli effetti della crisi dei consumi che è oramai sotto gli occhi di tutti e di subire un grave battuta d’arresto.

Si è infatti materializzata all’orizzonte una criticità altamente insidiosa, che diventerà una vera emergenza sociale, qualora le misure socio-economiche adottate a più livelli, non sortiscano l’effetto sperato nell’immediato periodo, ovverosia:

  • il tracollo della capacità di acquisto delle famiglie, le quali potranno concentrarsi unicamente sulle necessità di base e non certo sui prodotti di fascia medio-alta;
  • l’aumento del tasso di povertàoramai purtroppo certificato da moltissimi studi di settore.

Di fronte a questa situazione del tutto straordinaria che è ben lungi dall’essere superata, con il DECRETO RILANCIO sono state assegnate al mondo dell’Agricoltura nuove importanti risorse ed il Consorzio di Tutela ritiene che l’ulteriore dotazione di 250milioni disposta per il Fondo di Emergenza Alimentare contribuirà senz’altro a sostenere la produzione nazionale delle DOP e delle IGP e contestualmente a ristorare le FASCE SOCIALI PIU’ DEBOLI a rischio di povertà assoluta.

“In tale contesto” conclude la Nota del Consorzio inviata alla Ministra Bellanova “nessuno deve restare indietro e… anche il Pecorino Sardo DOP chiede di essere inserito tra i prodotti oggetto di intervento dei Bandi AGEA per il sostegno agli Indigenti di prossima pubblicazione. Per la nostra filiera, profondamente radicata nel contesto socio-economico della Sardegna, sarebbe una vera boccata di ossigeno e, fatto non meno importante, la nostra DOP starebbe al passo con gli altri formaggi a Indicazione Geografica penalizzati dalla crisi, oggetto di interventi similari”, come lo stesso Pecorino Toscano  – che risulterebbe già inserito nel paniere  – e la cui situazione di crisi è del tutto assimilabile a quella in cui versa il Pecorino Sardo, che invece ad oggi parrebbe escluso.

Correlate

31/05/2023
Numeri da record della tournè in SPAGNA

Si è concluso lo scorso weekend a Madrid il Festival QUESOS DOP Italianos: un vero e proprio viaggio di gusto e di promozione del Pecorino Sardo insieme a Gorgonzola, Taleggio ed Asiago in terra spagnola.

Scopri di più
10/03/2023
Festival QUESOS DOP Italianos

Parte la tournée spagnola del Pecorino Sardo DOP insieme ad Asiago, Gorgonzola e Taleggio.

Scopri di più
16/02/2023
Taste Atlas Ranking 2023: Il Pecorino Sardo è tra i 10 formaggi migliori al mondo

Con buona pace dei Francesi, nel ranking 2023 pubblicato qualche giorno fa da TASTE ATLAS, l’ATLANTE MONDIALE della CUCINA TRADIZIONALE i formaggi migliori al mondo sono italiani.

Scopri di più